lunedì 29 ottobre 2012

Arancini Siciliani al ragù





Questa è un'ottima ricetta tipicamente siciliana di mia suocera..questi arancini sono veramente buonissimi..presentano un'impanatura piacevolmente croccante all'esterno e il riso morbido e saporito (perchè viene cotto come un risotto) all'interno..si tratta di una ricetta che mi sento vivamente di consigliare, in quanto è validissima e buonissima!!
Questa è una ricetta con cui ho partecipato al contest 'Geografia in Tavola' all'interno del blog 'Le Leccornie di Danita'...le foto finali che però inviai mesi fa non mi avevano soddisfatta più di tanto..dal momento che proprio oggi ho avuto modo di rifarle, ho pensato di caricare queste foto finali leggermente (ma solo un pelino) migliori.......

Ingredienti: (nelle foto ho fatto mezza dose)


500 gr  di riso per arancini (si trova al supermercato, molto facilmente, con questa denominazione..almeno qui in Sicilia..in ogni caso si tratta di riso 'originario')
1 litro e mezzo d'acqua
3 dadi vegetali
mezza cipolla
un bel cucchiaio di concentrato di pomodoro
poco più della metà di mezzo panetto di burro da 125 gr.

per il ragù: 200 gr di macinato misto
                1 scatoletta di concentrato di pomodoro (o un intero tubetto)
                 un pò di cipolla
olio extravergine d'oliva

ps: nel ragù si dovrebbero mettere  anche i piselli...io non li metto perchè a mio marito non piacciono!

2 mozzarelle a dadini
2 uova sode 
abbondante parmigiano grattugiato o grana

per la pastella: farina 00 e acqua q.b (qui le dosi sono ad occhio..)
per l'impanatura: pangrattato q.b

abbondante olio di semi di arachidi per friggere (circa 1 litro o poco più, gli arancini in frittura devono essere totalmente immersi nell'olio, che dev'essere ben caldo..consiglio di usare il tegame per le fritture dotato dell'apposito cestello).

Tritare finemente mezza cipolla e farla soffriggere nel burro.


Non appena questa prende un pò di colore unire i 3 dadi e un bel cucchiaio di concentrato di pomodoro.
Mescolare finchè non si scioglie tutto, poi aggiungere l'acqua. Non appena questa prende il bollore, unirvi il riso.


Inizialmente mescolare di tanto in tanto, quando l'acqua inizia a restringere, mescolare più spesso.
Quando l'acqua si assorbe è pronto (mi era stato detto, una volta che l'acqua si era assorbita, di assaggiare il riso, perchè, nel caso non fosse ancora cotto bene sarebbe stato necessario aggiungere ancora un pochino d'acqua e prolungare la cottura. Se devo essere sincera QUESTO NON MI è MAI CAPITATO! Ogni qual volta ho eseguito questa ricetta con queste dosi così precise, una volta che l'acqua si era assorbita, il riso risultava cotto alla perfezione).
Quando quindi il riso è pronto, spegnere e aggiungere abbondante parmigiano grattugiato o grana e mescolare per amalgamare bene il tutto.


Trasferire ora il riso in un piano di marmo e cercare di allargarlo  in modo che possa raffreddarsi bene.
In alternativa al piano di marmo si può versare il riso in una pirofila ovale in ceramica o in un piatto da portata grande (sempre dello stesso materiale) e farlo raffreddare.

I
Intanto preparare (a parte) il ragù: soffriggere la cipolla tritata nell'olio extravergine, non appena è rosolata aggiungere il macinato misto e farlo rosolare molto bene, salarlo in cottura. Unire quindi il concentrato di pomodoro, un pò d'acqua e cuocere il ragù. 



Una volta  che il riso si è raffreddato, preparare delle palline (vuote) rotonde senza alcun ripieno (cercare di farle  tutte uguali, magari pesandole..le mie pesavano circa 100 gr).

Preparare anche le mozzarelle a dadini e le uova sode a pezzetti.
Prendere ora le palline di riso, sistemarle nel palmo della mano, aprirle, sistemarvi all'interno un pò di ragù (non dev'essere ovviamente troppo poco, altrimenti è asciutto, ma neanche una quantità esagerata...un paio di cucchiaini da thè circa...), un pò di mozzarella e un pò di uovo sodo.
Chiudere ora le palline dando loro la forma a 'pera'  allungandole verso l'alto....

Preparare la pastella: in una ciotola versare della farina 00 e diluirla a poco a poco con acqua, fino ad ottenere una pastella non troppo fluida ma neanche troppo dura..dev'essere cremosa (nel dubbio..meglio densa che un pò più liquida..)


Immergervi gli arancini....

Passarli ora nel pane grattugiato e friggerli nella pentola per i fritti (quella dotata dell'apposito cestello) con circa 1 litro di olio di semi di arachidi (anche di più..questo dipende anche dalla grandezza del tegame utilizzato!)..calcolare che durante la frittura devono essere totalmente immersi nell'olio.


Scolarli quando hanno assunto quel colore bello dorato tipico degli arancini. 
Posarli su carta assorbente da cucina e mangiarli caldi o tiepidi!
Questi sono i 4 arancini che ho mangiato io a cena..gli altri (in tutto, con 250 gr di riso me ne sono venuti 8) li ha mangiati mio marito..era molto di fretta perchè doveva andare a fare il turno di notte, e quindi per quelli non avevo tempo di fare foto!!!! In ogni caso erano del tutto simili a questi che ho fotografato!!



Carico anche la foto che rende meglio l'idea dell'interno degli arancini....

Con questa ricetta partecipo alla rubrica ' La via dei Sapori' ideata da Serena e Arianna

7 commenti:

  1. Che belli i tuoi arancini a punta, di sicuro buone che si mangiano con gli occhi!!!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie mille cara Angela, questi arancini sono buonissimi...la ricetta è di mia suocera e posso affermare che si tratta degli arancini migliori in assoluto tra tutti quelli quelli che ho mangiato, consiglio vivamente di provare la ricetta, è validissima e collaudatissima:))

    RispondiElimina
  3. Ciao Rosy, ho seguito la ricetta e mi sono venuti degli arancini spettacolari! Grazie :-)

    RispondiElimina
  4. Ps hai la ricetta del FALSOMAGRO?

    RispondiElimina
  5. Ciao Dolores, grazie mille per essere passata, sei davvero gentilissima!!!:) Mi fa tantissimo piacere che hai provato la ricetta di mia suocera (validissima e collaudatissima) e che ti sia piaciuta, come ho risposto anche nel commento precedente, si tratta in assoluto dei migliori arancini che abbia mai mangiato:) grazie a te per averli provati e apprezzati:))
    Per quanto riguarda la ricetta del falsomagro...non l'ho ancora postata ma ho due ricette: una la trovò mia madre in tv (molti anni fa), la fece diverse volte, è molto buona e meno pesante della versione classica, l'altra è più tradizionale, mi è stata data ma non l'ho mai fatta....
    ecco la prima versione:
    farsi aprire a libro dal macellaio una fetta di vitello o vitellone, salarla (non troppo) spolverizzarla con pane grattugiato e caciocavallo ragusano grattugiato o pecorino stagionato grattugiato...adagiare fette di mortadella, uova sode affettate (da sistemare sopra la mortadella)..salare le uova q.b, aggiungere fette di pecorino fresco (presumo siano fette..nella ricetta questo punto non era specificato ..c'era scritto semplicemente 'pecorino più fresco'..a meno che non si trattasse di pecorino fresco grattugiato..mia madre non la prepara da tantissimi anni e non so se si ricorda...se vuoi provo a chiederglielo..altrimenti agisci secondo quelli che sono i tuoi gusti..in base ai quali scegli se utilizzare un pecorino grattugiato fresco o fette di pecorino fresco.... ) spolverizzare con un pò di pane grattugiato, quindi arrotolare la carne e legarla. Versare dell'olio extravergine d'oliva nel tegame e farlo scaldare..aggiungere la cipolla tritata e l'aglio, quando sono appassiti aggiungere la carne, quando prende colore sfumare con il vino rosso e unire la passata di pomodoro. A metà cottura aggiungere i piselli...
    scusa se non ti ho dato le dosi dettagliate ma la ricetta che aveva mia madre era scritta così..prima o poi avevo intenzione di postarla, magari facendola mi rendo meglio conto delle giuste dosi.....
    ecco l'altra ricetta: (più 'calorica')
    prevede come ripieno: una frittata sottile fatta con 2 uova, 2 cucchiaini di farina 00, 2 cucchiaini di formaggio grattugiato, un pò di latte, fette di mortadella (o prosciutto cotto), 3 uova sode, provola a fette sottili.Fare il rotolo e chiudere con lo spago. Cuocerlo con il sugo secondo il modello della ricetta precedente.....
    anche qui la ricetta non è precisissima..penso che in ogni caso, per entrambe, anche se le dosi sono un pò ad occhio non dovresti avere problemi:) Fammi sapere!!!!!:)) Se hai qualche dubbio fammi sapere in ogni caso:))

    RispondiElimina
  6. Grazie Rosy, sono riuscita a leggere solo ora il tuo messaggio!ti farò' sapere, grazie di tutto! NB per poter consultare più facilmente il tuo blog puoi fare inserire un menù' di ricerca più immediato? Esempio: ora si può eseguire la ricerca solo per mese oppure "trova parola nella pagina" . Se invece riuscissi a far mettere "melanzane" e poi vengono fuori tutte le ricette con le melanzane, oppure "scacce" oppure "arancini", sarebbe più veloce. Io mi collego sempre da iPhone o iPad e mi è' comoda la versione ottimizzata. Grazie!

    RispondiElimina
  7. Ciao Dolores, grazie infinite a te che sei così carina e mi segui:))
    ti confesso che sono abbastanza scarsa con il pc e non ho molta dimestichezza con molte procedure ad esso relative.....se riesco comunque ad inserire un menù di ricerca più immediato lo farò senz'altro...comunque ci proverò:))
    ancora grazie mille!!!
    Rosa

    RispondiElimina