mercoledì 27 agosto 2014

Pizza in teglia (come la faceva mia nonna)





Ancora il caldo (almeno qui in Sicilia) non dà tregua: per trovare un pò di sollievo e un temporaneo benessere sto con l'aria condizionata accesa 24 ore su 24, anche la notte per dormire.... con la speranza che prima o poi il bel fresco arrivi anche qui, credetemi..non ne posso più di avere la testa sempre stordita e di sentire la pelle sempre appiccicosa anche dopo aver fatto la doccia, di sentirmi fiacca, priva di forze..il caldo afoso mi butta terribilmente giù:((( posto una ricetta che ovviamente non ho preparato in questo periodo (per ora accendere il forno è per me un tabù) ma diverse settimane fa addirittura forse lo scorso mese, quando ancora si poteva respirare e le temperature ancora non afose invogliavano ad accendere il forno e a cimentarsi in piatti sfiziosi come questo.
Scusatemi se mi sto lasciando trascinare di nuovo dai ricordi (sicuramente risulto pesante e noiosa) ma pubblico ancora una ricetta che per me riveste al pari della precedente, un valore affettivo enorme.
Si tratta della pizza preparata secondo la ricetta di mia nonna, la quale ha ormai 94 anni, e, pur essendo ancora lucida non cucina più come in passato (come potete facilmente immaginare, considerata l'età...).
Se devo dire la verità..la ricetta non appartiene a mia nonna ma le è stata trasmessa negli anni '80 da una sua carissima amica. A quei tempi le ricette non avevano una diffusione capillare come oggi: non vi erano trasmissioni di cucina come ai nostri giorni, non esisteva internet........vi erano solo riviste e libri ma non tutti li acquistavano, solo una cerchia di persone e non così numerosa (in pratica solo chi aveva una passione enorme per la cucina...). All'epoca si seguiva tantissimo la cucina tradizionale (solo chi aveva una grande passione e un grande interesse spaziava e andava oltre) mia nonna ha sempre avuto un grande amore per la cucina, i suoi piatti erano perlopiù tradizionali ma al tempo stesso era aperta a nuove ricette, qualora, una volta assaggiate riscuotevano la sua approvazione (ed era molto molto pignola e perfezionista).
Una di queste era la pizza: piatto ovviamente noto a tutti ma forse a quei tempi, almeno nella mia regione d'origine, non preparato proprio da tutti in casa (anche se forse qualcuno la preparava), probabilmente perchè non si trattava di un piatto appartenente alla cucina tradizionale regionale.
Mia nonna sapeva fare tantissime cose (anche il pane in casa, lavorato a mano e realizzato con il lievito madre e tante,tante altre cose) ma non si era mai cimentata nella preparazione della pizza,specialità che ha sempre adorato....la sua fortuna è stata quella di aver avuto una carissima amica: una simpaticissima signora  napoletana sposata in Sardegna e residente da tanti anni nell'isola (che però non aveva perso affatto il suo accento) che veniva abbastanza spesso a farle visita.
 Ricordo che un giorno (io ero molto piccola e ho un vago ricordo dell'episodio) venne a casa di mia nonna e le fece vedere come si faceva la pizza: essendo bravissima mia nonna imparò subito e da quel giorno fece sempre la pizza seguendo la ricetta di  Anna sa napoletana (come la chiamava affettuosamente lei, in sardo'sa' è articolo determinativo e vuol dire 'la':))) La sua amica le disse che non dava a tutti la ricetta della pizza, ma solo a mia nonna in quanto erano amiche:).
Come scritto sopra, questa ricetta riveste per me un grande valore affettivo: mia nonna cuoceva la pizza   sia nel forno a gas (e veniva ottima) che, quando andavamo alla villetta (di cui  ho parlato nel post precedente) in quello a legna (con un risultato eccellente). Io ho già postato, all'inizio del blog, la ricetta che seguo da anni per fare la pizza (se vi interessa vederla cliccate qui): mi trovo molto bene e i risultati sono ottimi: anche questa di mia nonna è buonissima: il fondo più croccante e l'interno morbido: inoltre è buonissima anche il giorno dopo.
Io adoro la pizza e mi piace sperimentare sempre nuove ricette: alterno questa di mia nonna, quella postata all'inizio del blog e da poco ho scoperto un'ottima ricetta (realizzata lo scorso mese quando le temperature erano più umane) che forse alcune di voi conoscono: la pizza di Zago (trovata in uno dei blog che seguo).
Non posso dire quale sia la migliore, io le trovo tutte ottime;)).

Una mia nota personale: con le foto della pizza, qualunque sia la ricetta, ho parecchi problemi (compreso con quella postata all'inizio del blog) in quanto l'interno soffice e ben lievitato (che giuro presente) nelle foto sembra non rendere affatto.Forse dipende dal fatto che queste vengono scattate all'ora di cena con la luce artificiale..non saprei...in ogni caso vi assicuro la bontà e la perfezione dell'interno di tutte le pizze che ho postato.......

Ingredienti: (nelle foto io ho fatto mezza dose)

1 kg di farina 00
1 cubetto di lievito di birra ( ma  consiglio di dimezzare la quantità, io infatti, che ho utilizzato 500 gr di farina metto 1\4 di lievito, prolungando un pò i tempi di lievitazione)
2 cucchiai di strutto (io per 500 gr di farina 1 cucchiaio)
sale (io per 500 gr due cucchiaini da caffè)
acqua q.b. ad ottenere un impasto morbido ma comunque consistente

mia nonna utilizzava   passata di pomodoro che se necessario allungava con un pò d'acqua, quindi condiva con origano, sale e olio extravergine d'oliva (tutto a crudo) e la faceva insaporire qualche ora.
Io ho l'abitudine invece di cuocere la salsa della pizza versando in un padellino conserva di pomodoro fatta in casa (o  polpa di pomodoro di ottima qualità; per 500 gr d'impasto utilizzo una confezione di polpa di pomodoro) 1 spicchio d'aglio intero e sbucciato, un filo di olio extravergine d'oliva..copro e cuocio finchè la salsa non si addensa, correggendo di sale e di zucchero. Alla fine elimino l'aglio e la faccio raffreddare.

mozzarella  (io ho preso l'abitudine di schiacciarla con lo schiacciapatate e sistemarla in frigo,dentro lo scolapasta all'interno di  una ciotola in modo che possa asciugarsi bene e non rilasci acqua nella pizza)
origano (io utilizzo sempre quello siciliano: eccezionale  e profumatissimo:))
un filo di olio extravergine per condire la pizza prima di infornarla


Preparare l'impasto: in una terrina versare la farina e sciogliervi lo strutto strofinandolo con le mani..unirvi il lievito sciolto in poca acqua appena appena tiepida, il sale e acqua appena appena tiepida q.b ad ottenere un impasto morbido ma consistente...


Lavorare bene con le mani fino ad ottenere un composto perfettamente liscio....


al quale conferiremo la forma di palla o di più palline (nel caso dovessimo riempire più di una teglia).
Sistemare l'impasto all'interno di una ciotola infarinata, coprire benissimo con tovaglie da cucina e sistemare il tutto all'interno del forno chiuso e spento, lontano dalle correnti d'aria fino ad aumento del volume (io lascio lievitare circa due ore).



Preparare la salsa della pizza (come faccio io) o se preferite condite tutto a crudo come faceva mia nonna:).
Versare conserva (o polpa di pomodoro) nel pentolino, aggiungere 1 spicchio d'aglio intero e sbucciato, un filo di olio extravergine d'oliva. Coprire e cuocere finchè la salsa non risulterà densa, correggendo di sale e di zucchero...spegnere, eliminare l'aglio e fare raffreddare....


Sistemare la salsa in una ciotola e condirla con origano (io abbondo perchè lo adoro....).


Non appena l'impasto risulterà ben lievitato......stenderlo nella teglia rivestita di carta forno..( mia nonna ungeva la teglia..) e farlo lievitare ancora (io almeno un'oretta, poi dipende dalla temperatura esterna...) sempre coperto e sempre all'interno del forno spento per evitare correnti d'aria.


Trascorso il tempo necessario alla seconda lievitazione condire la pizza con la salsa preparata in precedenza (e ormai fredda)..irrorare con un filo di olio extravergine d'oliva



infornare in forno caldo (il mio è a gas ventilato) a 225° (o 200°), regolatevi in base al vostro forno:) e cuocere finchè il fondo non avrà preso colore....
cinque minuti prima del termine della cottura aggiungere la mozzarella (che io ultimamente passo nello schiacciapatate e lascio scolare nello scolapasta poggiato su una ciotola e sistemato in frigo in modo che non rilasci acqua nella pizza), se preferite la potete tagliare a dadini avendo sempre l'accortezza di farla scolare prima;)

ecco i tranci di pizza (purtroppo le foto, come scritto  in precedenza, non rendono affatto:(((((
In considerazione  a ciò vi prego di guardare più la ricetta (della quale garantisco la validità) che le foto ...


Nota ulteriore finale: il giorno dopo, per far rinvenire la pizza l'amica di mia nonna consigliava di scaldarla nel forno aggiungendo di nuovo salsa e mozzarella;)

Con questa ricetta partecipo alla rubrica 'La via dei Sapori' ideata da Serena e Arianna





36 commenti:

  1. Oh mamma mia,ti prego toglimi lo schermo da davantiiiiiiiiiiiiiiii....:PPPPPP
    Che fameeee...sei strepitosa cara Rosy,questa pizza è a dir poco super magnifica,che dire..complimenti davvero!!!! :-))
    Un abbraccio bella,a presto
    p.s. "Qui a Cuneo è fresco già..pensa che a volte la sera abbiam il camino acceso..:D"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Daiana, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la pizza di mia nonna, sei sempre troppo gentile e carinissima, mi fa veramente piacere che ti sia piaciuta, grazie mille per i complimenti,sei davvero gentilissima:))
      un abbraccio anche a te:))
      ps: che bello il fresco:))) mandamene un pò:))))

      Elimina
  2. io non ho ancora soffeto il caldo quest'anno, povera te!!!!Cosa vedono i miei occhi??'La pizza!!!I love pizza, in tutti i modi, la tua deve essere fantastica, brava continua cosi'!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sabry, qui invece Luglio è stato un pò strano ma Agosto davvero terribile, e anche ora...spero arrivi al più presto il bel fresco:)))
      anch'io, come te, adoro pazzamente la pizza e mi piace sperimentare nuove ricette (a parte questa di mia nonna, quella mia postata all'inizio del blog, della quale ho inserito il collegamento nell'apertura al post, circa un mesetto fa, quando ancora si respirava ho provato la pizza di Zago, trovata in uno dei blog che seguo, ho trovato ottima anche questa:)).
      Ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia pizza e per i complimenti, sei sempre gentilissima, mi fa molto piacere che ti sia piaciuta:)))
      tanti baci anche a te:))

      Elimina
  3. I tuoi ricordi legati alle ricette sono sempre bellissimi ed emozionanti. Che bella la nonna che fa la pizza e complimenti anche x l'età ^_^ Una giovincella ^_^
    Da quando la faccio in casa con la pasta madre quella con il l.d.b. non mi piace più ma alla vista della tua potrei anche dare una chance ^_^
    Ottimo i suggerimento di far scolare la mozzarella in frigo..la prox volta lo faccio di sicuro ^_*
    Grazie x la condivisione e buona serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Consuelo, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato questi post pieni di ricordi che rendono le ricette cariche di valore affettivo:)) sei sempre carinissima:))sai, mia nonna da giovane era un vulcano, sapeva fare tantissime cose..ora purtroppo, pur essendo sempre lucida, a causa
      dell'età (come puoi ben immaginare) parecchie cose non le fa più, e dice
      sempre: 'dove sono andati a finire i miei 18 anni?'
      posso solo immaginare la bontà della tua pizza realizzata con il lievito madre, si tratta di un'altro mondo, poi tu sei bravissima nella
      panificazione:)) prima o poi mi devo cimentare anch'io nella sua realizzazione in quanto so che gli impasti realizzati con questo sono più leggeri, più digeribili rispetto quelli con il lievito di birra, e hanno una durata
      maggiore nel tempo:))
      prima ero solita strizzare la mozzarella con le mani per eliminare l'acqua in eccesso (dopo averla tagliata a dadini) ma ora ho sperimentato questo
      nuovo metodo più sbrigativo e ugualmente efficace;)
      un bacione e buona serata anche a te:))

      Elimina
  4. Che voglia di pizza mi hai fatto venire ..... Ma dopo due giorni di tregua ,oggi di nuovo caldo ,uffa non ne posso più , chi lo accende il forno in questi giorni ?? :(
    Bellissimi i tuoi ricordi ,non ci annoi per niente ... Appena rinfresca e ricomincio ad usare il forno ,provo la tua ricetta !!!!
    Ti abbraccio e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary, grazie mille per aver apprezzato la mia pizza, sei sempre gentilissima:))
      anche tu sai benissimo quanto sia terribile l'afa che da Agosto qui in Sicilia non dà tregua...(qui non ci sono stati neanche giorni di pausa..sempre afa:
      (((e infatti il mio forno è in letargo da tempo (la pizza l'ho preparata circa un
      mesetto fa e avevo le foto nel pc, quando ancora si respirava e il caldo era lontano...grazie mille inoltre per aver apprezzato i miei post ricchi di ricordi (che rendono speciali le ricette caricandole di valore affettivo) sei carinissima:)).
      Se provi la mia pizza fammi sapere;)
      un abbraccio anche a te e a presto:))

      Elimina
  5. ciao rosa, secondo me invece le foto rendono pienamente giustizia alla bontà della tua pizza che ti chiede di farsi addentare senza pietà!!! Le ricette di famiglia sono sempre le più buone e care ed è normale lasciarsi andare ai ricordi, ancor più che tua nonna, come pure la mia, non è più autonoma .. a proposito del caldo, perchè non venite a fare una passeggiata dalle mie parti?! Di sera si sta di un bene che non hai idea .. e cmq quanomeno non c'è umidità .. se riusciamo a conciliare i rispettivi turni, mi farebbe piacere .. un abbraccio, serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Serena, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia pizza, sei sempre troppo gentile e carinissima:)) concordo pienamente con te nell'affermare che le ricette di famiglia sono le migliori: al di là della loro bontà ciò che le rende speciali è il loro valore affettivo in
      quanto appartenenti a persone a noi care un tempo attivissime e ora, data
      l'età avanzata purtroppo non più come una volta (sebbene sempre lucide:)).
      Grazie mille per l'invito a venire dalle tue parti,anche a me farebbe
      tantissimo piacere:)) ne parlo con Guglielmo, e comunque ti chiamo uno di questi giorni:))
      un abbraccio anche a te e a presto:))

      Elimina
  6. nooooooooooo Rosy avevo scritto 2 km di roba niente tutto cancellato!!!! Ti dicevo che rende benissssimo e che sono svenuta davanti a questa meraviglia ...guarda l'ora secondo te non ne' mangerei una fetta???Brava dieci e lode!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cinzia, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia pizza e per i complimenti, sei davvero troppo gentile e sempre carinissima:)))mi fa molto piacere che ti sia piaciuta e che abbia apprezzato anche le foto, sei sempre gentilissima:))
      un bacione e ancora grazie mille:))

      Elimina
    2. Rosy...li' segna le 17 :46 ma nella realta erono le 3 di notte ....una visione simile mi ha steso !!!!bella ma bella davvero

      Elimina
    3. Grazia mille Cinzia, sei veramente troppo ma troppo gentile e carinissima:))
      un bacione grande e ancora grazie mille:)))

      Elimina
  7. Che meraviglia e chissà che bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sei veramente gentilissima, mi fa molto piacere che la mia pizza ti sia piaciuta:))
      un bacione:))

      Elimina
  8. Ho appena sentito che dalla prossima settimana un po' di refrigerio arriverà anche da te, Rosy. Nel frattempo, oggi, anche qui il caldo si fa sentire, seppur non così torrido.
    Questa pizza ispirata da quella che realizzava la tua nonna è una meraviglia ed è un vero supplizio non poterla assaggiare. E la foto rende, eccome!
    Un carissimo abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maria Grazia, speriamo arrivi al più presto, non ce la faccio più (oggi comunque forse va leggermente meglio..speriamo:))
      ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia pizza preparata secondo la ricetta di mia nonna, sei sempre troppo gentile e carinissima, mi fa molto piacere che ti sia piaciuta e che abbia apprezzato anche le foto, grazie mille:))
      un abbraccio carissimo anche a te:))

      Elimina
  9. buona,mi ricorda tanto quella che preparava mia nonna,buonaaaaaaaaaaaaaaa,grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola, grazie mille a te per aver apprezzato la mia pizza, preparata secondo la ricetta d mia nonna, sei veramente gentilissima:)) mi fa molto piacere che anche tua nonna la preparava simile e concordo pienamente con te: è davvero molto buona:)))
      un bacione:))

      Elimina
  10. Mamma mia mi hai fatto venire una fame!!!! Ne mangerei una bella fetta anche adesso! Per questa sera ho già preparato la pasta della pizza ma conto anche di provare la tua ricetta...ops della tua nonna! Bravissime, tutte e due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Chiara, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia pizza, sei davvero troppo gentile:)) mi fa molto piacere che ti sia piaciuta:)) se dovessi provarla fammi sapere: oltre che molto buona per me è speciale in quanto riveste un valore affettivo enorme:))grazie mille per i complimenti, sei veramente gentilissima:))
      un bacione:))

      Elimina
  11. Carissima Rosy anche qui a Napoli oggi si schiatta dal caldo. La foto di questa pizza pare che trasmetta anche il profumo. Brava Rosy ho sempre da imparare da te, e sono d'accordo con te che i suggerimenti delle nonne devono essere degli insegnamento che non devono essere mai dimenticati. ti abbraccio stretta stretta ciao

    RispondiElimina
  12. Carissima Tiziana, qui oggi forse va leggermente meglio:) speriamo che le temperature continuino ad abbassarsi e che il bel fresco arrivi anche qui: questo mese ho sofferto troppo il caldo afoso:((
    Ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia pizza e la foto, sei sempre gentilissima:)) grazie mille inoltre per i complimenti e concordo pienamente con te: le ricette delle nonne sono preziose non solo per la loro bontà ma anche per il valore affettivo che rivestono per noi:))
    un abbraccio fortissimo anche a te:))

    RispondiElimina
  13. Una pizza molto invitante e consigli molto utili. :)
    Complimenti, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sei davvero gentilissima, mi fa molto piacere che la mia pizza ti sia piaciuta:)) ti ringrazio tantissimo per i complimenti:))
      a presto e ancora grazie mille:))

      Elimina
  14. Bellissima pizza, ho fatto copia e incolla,quando la farò ti avviso.
    In Toscana possiamo accendere anche il forno,problemi per il caldo non esistono proprio, non fà che piovere.
    Un salutone Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Daniela,ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia pizza, sei davvero gentilissima:))aspetto allora il tuo responso;)
      oggi per fortuna pare che finalmente le temperature siano diventate umanamente più sopportabili: più che fresco si è alzato un pò di vento che ha reso l'aria più respirabile e che permette di non stare 24 ore su 24 con l'aria accesa..c'è sempre caldo si, ma almeno è più sopportabile:)
      un bacione:))

      Elimina
  15. condivido con te il fastidio di questo caldo appiccicoso non ne posso più !!!!! la pizza con la ricetta di tua nonna è favolosa e trovo che le foto siano belle e rendono perfettamente l'idea della bontà....ti abbraccio con affetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mammalorita, è vero, qui in Sicilia il mese di Agosto è stato terribilmente afoso e insopportabile:(( oggi per fortuna va un pò meglio, almeno posso stare senza accendere l'aria..speriamo che non torni più il caldo, sono stata davvero malissimo....
      ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la pizza preparata secondo la ricetta di mia nonna, sei sempre gentilissima:)) mi fa molto piacere che ti sia piaciuta, così come le foto:))
      un abbraccio affettuoso anche a te:))

      Elimina
  16. Ciao, stai più fresca ora???!!! Penso proprio di sì!!!
    Qui da me dopo 2 giorni giorni di pioggia e freddo, ora un timido sole.....ma sappiamo già che non durerà!!!
    Ma che belle queste ricette con la loro storia........una pizza assolutamente da provare, anche a me piace abbondante origano, per le foto rendono benissimo l'idea e come se la rendono....!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura, ora si sta decisamente meglio in quanto da qualche giorno soffia un venticello che ha reso l'aria più respirabile..pur essendoci ancora caldo tuttavia le temperature sono più sopportabili e non più afose, speriamo continui così e che non torni l'afa tremenda che ad Agosto non
      ha dato tregua:(
      ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato il mio post e la pizza preparata secondo la ricetta di mia nonna, sei sempre gentilissima:)) mi fa molto piacere che ti sia piaciuta:))se la provi fammi sapere;) grazie mille inoltre per aver apprezzato le foto, sei troppo gentile:))
      tanti baci anche a te:))

      Elimina
  17. alla pizza io proprio non so rinunciare! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanch'io..la adoro pazzamente:))
      un abbraccio anche a te:))

      Elimina
  18. Graziiiiie :) Aggiorno pian pianino e ti mando il link dell'album. Ricambio gli auguri di buona Pasqua cara Rosa a te e famiglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Serena, aspetto il link dell'album sono curiosissima di vedere anche le altre ricette:)) Ancora grazie di cuore per gli auguri che rinnovo facendo anche a te e famiglia i miei migliori e più sinceri auguri per una felice e serena Pasqua:))

      Elimina