giovedì 21 agosto 2014

Insalata di riso (come la prepara mia madre)




La parentesi di specificazione ha la funzione di togliere un pò di banalità ad una ricetta che avevo intenzione di pubblicare già dallo scorso anno ma per la quale ho sempre tentennato, considerata la sua enorme semplicità, la sua diffusione e la considerazione che  'non sto postando nulla di nuovo, la sanno fare tutti!!'
riflessioni che mi hanno indotta a non darle importanza, a cancellare l'idea di condividerla nel blog....
poi ho pensato che in fondo, al pari di tante ricette già postate (appartenenti a mia madre, mia nonna, mia suocera, la zia anziana di mio marito........) si tratta di una ricetta di famiglia  a
tutti gli effetti e il che le conferisce un valore aggiuntivo oltre che affettivo per me fondamentale.
Fin da quando ero bambina mia madre è sempre stata solita preparare l'insalata di riso secondo questa ricetta, certamente non light ma buonissima:))) ad essa sono legati i miei ricordi d'infanzia, quando l'Estate era per me la stagione più bella dell'anno, quando l'attendevo con trepidazione, quando il sole anche forte non mi recava alcun fastidio....quando ogni fine settimana andavamo alla villetta dei miei nonni che si trovava in montagna ma sotto c'era il mare..una splendida visione di una distesa blu che si apriva tra i monti della Sardegna ricchi di vegetazione mediterranea e dei profumi delle piante tipiche...il canto delle cicale di giorno, quello dei grilli la notte, mangiare all'aperto soprattutto la notte con la lucina debole e quasi in penombra...e la forma scura dei monti nello sfondo.....forse per qualcuno inquietante (il luogo era un pò isolato, le villette abbastanza distanti tra loro, per arrivarci si doveva percorrere una strada di montagna che andava via via a salire, stretta e ai tempi non asfaltata..il luogo era ed è tutt'ora bellissimo......) ma io ero una bambina, una trentina d'anni fa, tutto mi sembrava immenso ma al tempo stesso rassicurante in quanto mi trovavo in compagnia delle persone che mi volevano bene....
a questo contesto io collego questo piatto, certamente semplicissimo ma per me personalmente di grande valore affettivo: presentato in modo rustico nell'insalatiera oppure come ripieno dei pomodori, quelli estivi, grandi, che in Sardegna sono detti 'da campo'.
Ovviamente sia mia madre che mia nonna non preparavano solo questo piatto, essendo bravissime spaziavano molto, ma questo lo ricordo e lo riproduco ancora.....soprattutto in questo periodo (almeno qui in Sicilia) torrido e afoso, quando a causa del caldo terribile non ho tanta voglia di stare ai fornelli e prediligo piatti semplici, leggeri e freschi come quest'insalata di riso o in generale come le insalate di pasta che pure adoro...
ecco la ricetta, niente di più semplice, niente di più banale e scontato, la posto solo perchè, oltre al valore affettivo che riveste è buonissima:)))


Ingredienti: le dosi sono abbastanza ad occhio, secondo quelli che sono i vostri gusti personali ma riporto anche quelle da me utilizzate;)

riso per insalate Parboliled (io per 2 persone 180 gr)
pomodori freschi a dadini (mia madre li aggiungeva poco prima di portare l'insalata di riso a tavola in quanto sosteneva che altrimenti si 'inacidivano')
tonno sott'olio sgocciolato benissimo dal suo olio di conservazione e sgranato con i nebbi della forchetta. Io per 180 gr di riso ne ho utilizzato una scatoletta grande
capperi sott'aceto (i miei erano fatti in casa da mia madre). Io per 180 gr di riso un paio di cucchiaiate.
uova sode a pezzetti (io per 180 gr di riso 2 uova medie)
wrustel (precedentemente sbollentati per 5 minuti in un pentolino contenente acqua in ebollizione senza toglierli dalla loro stessa confezione)  tagliati a rondelle (io per 180 gr di riso una confezione piccola ma volendo anche meno)
sale grosso (per condire l'acqua nella quale dovremo lessare il riso una volta che va in ebollizione)
olio extravergine d'oliva (per condire il riso appena scolato e sistemato nella terrina nell'attesa che si raffreddi prima di condirlo)
maionese a piacere

Lessare il riso Parboiled in abbondante acqua salata, scolarlo, sistemarlo in una terrina, condirlo con l'olio extravergine d'oliva e farlo raffreddare.
Una volta freddo condirlo con tutti gli ingredienti sopra citati.





Se necessario aggiungere un altro filo di olio e maionese a piacere:)). 

ecco la foto dell'insalata senza maionese (volendo la potete anche consumare così, semplicemente condita con olio e poco aceto).



ma si sa che...con la maionese è più goduriosa.......


Volendo potete utilizzare quest'insalata di riso come ripieno dei pomodori grandi estivi (come faceva mia madre tanti anni fa).
Qualora l'insalata di riso dovesse stare in attesa vi consiglio di aggiungere il pomodoro poco prima di servirla altrimenti 'inacidisce'.

29 commenti:

  1. Che bellissimi ricordi hai condiviso con noi stasera..mi sono immaginata questo luogo immerso nella natura e riscaldato dall'affetto familiare, da piatto casalinghi ed in sottofondo il rumore degli animali..che incanto! Vorrei tanto poter dire lo stesso ma la città non porta con sé queste emozioni :-(
    Hai fatto benissimo a pubblicare questa ricetta, l'amore che la lega ai ricordi la rende unica e speciale ^_^
    Buona serata cara <3

    RispondiElimina
  2. Cara Consuelo, mi fa tantissimo piacere che hai apprezzato il mio post: in genere nel blog non parlo spesso di me, avendo un carattere molto riservato, ma esistono alcune ricette (anche pubblicate in passato) alle quali sono legati ricordi affettivi fortissimi, anche relativi a persone che purtroppo non ci sono più per le quali vado 'oltre' l'esposizione normale della ricetta in sè dilungandomi anche sulla storia che
    c'è dietro:)) mi fa veramente piacere che hai apprezzato, sei sempre carinissima e troppo gentile:))e concordo pienamente con quanto affermi: le ricette acquistano un valore ulteriore e fondamentale quando ad esse sono legati ricordi di momenti del
    passato per noi unici e speciali.....
    un bacione, ancora grazie mille per tutto, sei gentilissima:))) e buona serata anche a te:))

    RispondiElimina
  3. Ciao Rosa! Credo di non aver inserito l'insalata di riso nel mio blog proprio per le ragioni di cui parli tu e invece concorderai con me sul fatto che sono proprio le ricette più diffuse - quelle che apparentemente sanno fare tutti - ad essere più consultate, proprio perchè magari si cercano varianti o confronti con le ricette di famiglia. Quindi hai fatto benissimo a inserirla. Non ho mai messo i pomodorini nè l'uovo, mia mamma invece la faceva con prosciutto-emmental- carciofini- funghetti dolci olive verdi e l'immancabile wurstel. La maionese, proibita quando eravamo piccole, negli ultimi anni era diventata d'obbligo :) Un abbraccio cara rosa e a presto,serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Serena, appena ho aperto il blog (due anni fa) e anche lo scorso anno non avrei mai pensato, neanche lontanamente, di inserire una ricetta così semplice, banale e scontata..poi, facendo le tue stesse considerazioni e ponendola allo stesso livello di altre ricette di famiglia ho cambiato improvvisamente idea quando mi è capitato di prepararla qualche giorno
      fa:)) concordo anche sul fatto che ogni famiglia ha la sua ricetta, quasi mai uguale a quella di un'altra: infatti la versione di tua madre è molto differente dalla mia e sai una cosa? La prossima volta che preparo
      l'insalata di riso voglio provare la sua versione che mi piace tantissimo e per la quale ho anche una buona parte degli ingredienti a casa: provare nuove varianti mi piace sempre tantissimo, specie se sfiziose e
      buonissime come la tua:)). Per quanto riguarda la maionese invece nel mio caso si è seguito il percorso inverso: negli anni '80 mia madre la preparava con questo ingrediente, oggi la omette e la condisce semplicemente con
      olio e un pò di aceto in quanto, andando avanti con gli anni è più attenta alla linea e soprattutto per problemi di colesterolo:))
      un abbraccio anche a te e grazie mille per aver apprezzato la mia ricetta, sei sempre gentilissima:)))

      Elimina
  4. TROVO QUESTO POST SENSAZIONALE!!!OGNI RICETTA HA DIETRO UNA SUA STORIA, CHE A VOLTE E' NECESSARIO RACCONTARE!!!A ME PIACE CUCINARE DI TUTTO, DAL PIATTO PIU' SEMPLICE, MA SAPORITO,A QUELLO PIU' RAFFINATO. E' BELLO TROVARE DI TUTTO SUL WEB, ANCHE LE COSE PIU' BANALI, DEL RESTO NON TUTTI SONO MAESTRI, E A VOLTE E' IMPORTANTE ANCHE RICORDARE COME SI FA UN SEMPLICE RAGU', PERCHE' SPESSO CI PERDIAMO IN RAFFINATEZZE E NON SAPPIAMO FARE LE COSE BANALI!!!GRAZIE PER QUESTI TUOI RICORDI, HAI RESO QUESTO POST MOLTO PREZIOSO!!!!BACI BACI BACI E ....GRAZIE DI ESISTERE SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sabrina, ti ringrazio tantissimo per le bellissime parole, sei veramente troppo gentile e carinissima:)))concordo pienamente con quanto scrivi: ogni ricetta ha dietro di sè una storia ed è bello raccontarla in quanto le conferisce un valore aggiuntivo, spesso proprio di carattere affettivo:))
      anch'io cucino un pò di tutto: piatti più elaborati (specialmente se capita di
      avere ospiti) e semplici ma gustosi, quando magari c'è troppo caldo e non ho tanta voglia di stare ore ai fornelli (in quanto soffro da morire il caldo afoso che mi debilita tantissimo:(( o quando ho poco tempo o quando non mi sento bene....ringrazio tantissimo a te per aver apprezzato il mio post, mi fa davvero piacere che ti sia piaciuto, sei gentilissima:)))
      tantissimi baci anche a te e ancora grazie mille per tutto:))

      Elimina
  5. Che bei ricordi legai aa tua infanzia, non so a te ma a me ripensare ai momenti in cui ero piccola mette tanta serenità, se sono come sono lo devo anche a quegli attimi! Speriamo sia così anche per i miei figli! L'insalata di riso e' ottima e hai fatto bene a postarla, sei riuscita a farmi venire appetito anche in pieno pomeriggio! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara Chiara per aver apprezzato il mio post, sei veramente gentilissima:)) anch'io sono molto legata ai ricordi legati al periodo della mia infanzia: mi trasmettono pace e mi fanno tornare alla mente un periodo in cui (considerata anche l'epoca) era tutto più sentito, più genuino, più bello:)) grazie mille per aver apprezzato la mia insalata di riso, sei gentilissima:))
      un bacione e buon fine settimana anche a te:))

      Elimina
  6. Cara Rosy,che piacere leggere il racconto delle tue estati da bambina!Ho visto anche le foto delle tue vacanze,che posti meravigliosi,ti invidio un pò,sinceramente...
    Come dici tu,nessuna ricetta è banale,soprattutto se è legata a momenti della nostra vita.
    Quindi,grazie per averla condivisa con noi,insieme ai tuoi bellissimi ricordi.
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mara, ti ringrazio tantissimo aver aver apprezzato il mio post (e anche le foto relative al mio recente viaggio in Sardegna), sei troppo gentile:))
      concordo pienamente con te: anche la ricetta più semplice acquista un valore aggiuntivo se per noi ne riveste uno affettivo....
      ancora grazie mille a te per aver apprezzato la mia ricetta e il mio post:))
      un bacione:))

      Elimina
  7. Effettivamente tante volte nel preparare un piatto ti assale il dubbio se pubblicarlo o no, vista la sua semplicità. E così spesso dimentichiamo che semplicità è sinonimo spesso di bontà e di ricordi che conserviamo nel cuore e nella mente.E allora via ai dubbi e visto che il blog è la nostra casa, credo che sia giusto condividere questi piatti a noi così cari, forse avremo qualche commento in meno, però in tanti abbiamo suscitato ricordi felici.
    A me l'insalata di riso piace senza maionese.
    Ciao e buon fine settimana ( afoso anche da te? )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Barbara,concordo in pieno con tutto ciò che hai scritto: sai quante volte ho omesso la pubblicazione di piatti ritenendoli troppo semplici, banali e scontati..la considerazione che dovrebbe indurre a rinunciare a questo proposito è il fatto che il blog è casa nostra a tutti gli effetti; e in
      quanto tale deve rispecchiare la nostra cucina, non solo quella delle
      occasioni più importanti quando si da spazio a piatti elaborati, ma anche quella di tutti i giorni, caratterizzata anche da piatti semplici ma non per questo meno gustosi..e poi sono i ricordi che ci legano a certe ricette a
      renderle speciali e a conferire loro un importante valore: sai che anche mia madre (per motivi di dieta e colesterolo) consuma l'insalata di riso senza maionese? Neanche così è male:))
      un bacione e buon fine settimana anche a te (purtroppo sempre afosissimo anche qui:(((( aspetto con impazienza un abbassamento delle temperature, non ne posso più:((((

      Elimina
  8. Mamma mia Rosy , mi sembrava di vederla quella villetta in montagna !! bei ricordi vero??? Anch'io quando era ragazza adoravo l'estate , forse anzi sicuramente perchè la scuola finiva e a quel tempo riuscivo a sopportare tutto anche questo caldo .... ora invece non vedo l'ora che l'estate finisca e torni l'autunno con il bel fresco e le pioggerelline !!!!
    Che dire del riso ? Con questo caldo , questi piatti freddi sono una salvezza e questo riso come lo hai fatto tu deve essere buonissimo...sai che io i pomodorini non li mettevo !!!! Bella idea ...vedi ! c'è sempre da imparare !!
    Bacioni e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary,mi fa tantissimo piacere che hai apprezzato il mio post, sei sempre gentilissima e troppo carina:)) hai ragione, si tratta di ricordi bellissimi..la villetta in montagna esiste ancora ma sai, quando ero piccola andavamo spessissimo, negli ultimi periodi decisamente molto meno (a
      parte che ora non abito più in Sardegna da ormai quattro anni, ma già da
      prima di trasferirmi le permanenze ala villetta erano diminuite notevolmente, peccato....) a tutti i fine settimana trascorsi in Estate in quel luogo bellissimo, immerso nella natura (perchè poi le ferie vere e proprie,
      quelle più lunghe le passavamo qui in Sicilia in quanto mio padre è sempre rimasto legatissimo alla sua terra) sono collegati tantissimi ricordi relativi alla mia
      infanzia, un periodo che ricordo sempre con gioia e tanto piacere:))
      io da bambina e da adolescente adoravo l'Estate, era per me la più bella stagione dell'anno, ora, anch'io come te prediligo l'Autunno e le temperature più
      fresche:))concordo pienamente con te: con il caldo torrido e afoso che ha fatto (e che ancora un pò persiste almeno qui in Sicilia) stare ai fornelli non è tanto piacevole, e prediligo piatti freschi come questo o come le insalate di pasta, di
      couscous ecc..insomma, piatti freddi...i pomodorini conferiscono una nota di freschezza in più all'insalata di riso, mia madre li ha sempre messi, ma poco prima di servirla, altrimenti inacidiscono:))ti ringrazio tantissimo per averla apprezzata, sei sempre gentilissima:)))
      tanti bacioni anche a te e a presto:))

      Elimina
  9. L'insalata di riso, per quanto semplice è sempre una lieta sorpresa, anche perché, proprio perché è un'insalata ha sempre una piccola variante dovuta al recupero di qualche ingrediente che giace solitario in frigo. È la giusta pietanza nei giorni in cui il caldo non ti fa nemmeno pensare, la preparo nelle ore più fresche della mattina e fino a pranzo è li pronta che ti aspetta. Bello il quadro familiare che ci hai presentato, devi avere avuto davvero una infanzia felice. Ciao, ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, concordo pienamente con te: esistono delle varianti nella preparazione di questo semplicissimo piatto anche da famiglia a famiglia..e il loro comune denominatore è quello di risultare tutte appetitose:)) il caldo afoso e terribile di questi giorni (che purtroppo persiste ancora, almeno qui in Sicilia) mi ha tolto totalmente la voglia di stare ai fornelli, mi ha stordita e privata delle forze...aspetto con impazienza un abbassamento delle temperature, spero arrivi quanto prima....
      grazie mille per aver apprezzato il mio post, sei sempre gentilissima:)) l'infanzia è stato davvero uno dei periodi più belli della mia vita e l'ho vissuta in tempi in cui si viveva di fantasia, alla quale veniva dato assoluto campo
      libero (il massimo per un bambino) senza la tecnologia che ha completamente distrutto questo aspetto, pur avendo indubbiamente i suoi vantaggi per altre cose:)) un ambiente familiare sereno è comunque il primo elemento che rende questo periodo della nostra vita felice....e questo per tutti:))
      un bacione:))

      Elimina
  10. Ciao Carissima Rosy,finalmente sono tornata...come stai??
    Tu sei sempre più brava con le tue preparazioni eh..meravigliosa questa insalata di riso così golosa ed accattivante,complimenti a te e alla tua mami!!!! :-))
    Ti lascio l'indirizzo del mio nuovo blog,ti aspetto!! ;-)
    Bacioni e buona settimana cara :-**

    http://blog.cookaround.com/attimididolcezza/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Daiana, che piacere risentirti:))) io sto bene e spero che anche per te valga altrettanto:)) ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato la mia insalata di riso e per i complimenti, sei sempre troppo gentile e carinissima:))
      con tantissimo piacere passo a trovarti:)))
      tanti bacioni e buona settimana anche a te:))

      Elimina
  11. cara Rosy,mi hai emozionato, parlando della tua infanzia,ed è vero, che ci sono ricordi che rimarranno sempre nella nostra memoria, col passar degli anni ,forse, non ci ricorderemo cosa abbiamo fatto il giorno prima, ma i ricordi dell'infanzia no, non li scorderemo! ottima la tua insalata brava, e ti ringrazio del consiglio dei pomodori, sinceramente non lo sapevo! baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vanna, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato il mio post, sei veramente gentilissima:)) concordo pienamente con quanto scrivi: i ricordi dell'infanzia sono indelebili, non passano mai, rimangono sempre nel nostro cuore anche in età adulta:))grazie mille inoltre per aver apprezzato la mia ricetta, sei troppo gentile:)) i pomodori le conferiscono una nota di freschezza davvero gradevole e vanno aggiunti al momento di servire l'insalata di riso altrimenti inacidiscono....
      tanti baci anche a te:))

      Elimina
  12. hai fatto bene a postarla perchè è una ricetta ricca di amore e di tanto sapore, Un piatto meraviglioso che mangerai sempre ricordando la tua infanzia. Complimenti!!!

    RispondiElimina
  13. Grazie mille per le bellissime parole cara Giovanna, sei sempre gentilissima, ti ringrazio tantissimo per i complimenti e per aver apprezzato questo semplice piatto che per me riveste un grande valore affettivo (come diversi altri piatti già postati nel mio blog:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  14. Ciao carissima Rosy, leggendo il bellissimo post, attraverso i tuoi bellissimi ricordi di vacanze, rivivevo anche i miei, in comune non i meravigliosi luoghi di Sardegna ma lo stesso importantissimo amore per la famiglia e anche la stessa semplice insalata di riso, uguale uguale da una vita, noi senza maionese ma sempre con i pomodorini alla fine perchè inacidiscono!!!!
    E allora, anch'io alle volte mi faccio un sacco di problemi a postare delle ricette che sembrano tanto ovvie, invece è la dimostrazione che nel nostro condividere non ci sono solo gli ingredienti delle ricette ma l'amore e l'affetto che ci legano a certi piatti e che sono in comune, in qualche modo, con tutti noi!!!
    Non invidio il tuo caldo afoso, anch'io non lo sopporto, ma ti posso assicurare che di questo grigiume non ne posso più!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Laura, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato il mio post, contenente ricordi d'infanzia a me molto cari, sei troppo gentile e carinissima:)) concordo pienamente con quanto scrivi: ciò che rende un piatto speciale, al di là della sua semplicità anche estrema, è l'atmosfera
      che si respira nelle riunioni familiari caratterizzata dal'armonia, dall'amore,
      della serenità, elementi fondamentali soprattutto in un periodo come l'infanzia in quanto questi ricordi sono indelebili e mai potranno essere cancellati, li conserveremo nel nostro cuore anche in età adulta conferendo
      ai piatti consumati in tali occasioni un valore affettivo fondamentale:))
      mi fa molto piacere che anche l'insalata di riso che preparavate nella tua famiglia fosse simile alla nostra, soprattutto per l'aggiunta dei pomodorini (
      che non tutti mettono) alla fine in quanto poi inacidiscono rendendo sgradevole i tutto!!!
      Io non ne posso più di questo caldo terribile, anche stanotte aria
      condizionata, di giorno afa, aria condizionata accesa e sensazione di appiccicoso sulla pelle appena fatta la doccia:(( mentre sento che al nord c'è fresco sembra stranissimo che qui in Sicilia ancora si
      boccheggia....sembra un mondo a parte...
      tanti baci anche a te e ancora grazie mille, sei sempre gentilissima:))

      Elimina
  15. Oh Rosy che bello leggere il tuo post! Anche per me l` insalata di riso è legata a dei ricordi d infanzia, mia madre invece non amava stare in cucina, preparavo io questa insalata e mi semtivo grande ! Adesso anche la preparo ed è proprio una bella presentazione la tua.
    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Monica ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato il mio post, sei veramente gentilissima:)) mi fa molto piacere che anche per te questo piatto è da collegare a ricordi d'infanzia:)) grazie mille per aver apprezzato la mia insalata di riso e il modo in cui l'ho presentata, sei troppo gentile:))
      un abbraccio anche a te:))

      Elimina
  16. Bello ed emozionante il tuo post, semplice e gustosa l'insalata di riso della tua mamma!!!
    Complimenti davvero Rosy!!
    Un bacio enorme e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Carmen, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato il mio post e l'insalata di riso di mia madre, sei sempre gentilissima:))grazie mille inoltre per i complimenti:))
      un grandissimo bacio e buona serata anche a te:))

      Elimina