venerdì 13 dicembre 2013

Bocconi (murici)



Ecco un altro piatto di mare realizzato durante la mia permanenza in Sardegna..si tratta di un mollusco che non manca mai, presentato come antipasto e spesso anche come secondo, nella cucina di mare sarda, o perlomeno cagliaritana.
Il titolo del post è semplicissimo ed essenziale in quanto rispecchia il modo in cui i bocconi vengono preparati, più al naturale possibile,  in modo che così si possa apprezzare in pieno tutto il loro sapore:)
naturalmente è tassativo che questi siano freschissimi e, altra curiosità, non so se da attribuire alla tradizione popolare regionale o provinciale, è il fatto di preferire i 'bocconi femmina' più piccoli e chiari (mentre quelli 'maschi' sono grandi e scuri) in quanto il sapore dei primi è decisamente più gradevole, e, in conseguenza a ciò sono ritenuti più pregiati:).
Come appena accennato, il sistema di cottura è semplicissimo..è prevista una bollitura in acqua salata aromatizzata da spicchi d'aglio interi schiacciati...una volta che i bocconi sono pronti,  si consumano semplicemente così come sono, estraendo, con l'apposito utensile, il mollusco contenuto all'interno della  conchiglia (operazione che compierà da sè ogni commensale..).
Ma ecco la ricetta, di una semplicità estrema..ma a me piace tantissimo:))

Ingredienti: (dose per 3 persone)

500 gr di bocconi femmina freschissimi (si potrebbero utilizzare anche quelli maschi, ma il risultato non sarebbe lo stesso)
3 spicchi d'aglio sbucciati, interi e schiacciati
sale grosso

Qualora i bocconi dovessero essere sporchi, lavarli e spazzolarli bene sotto l'acqua corrente.


Prendere una pentola di adeguate dimensioni e versarvi  abbondante acqua, i bocconi e gli spicchi d'aglio sbucciati e schiacciati.
Nella foto sono interi in quanto c'è stato un momento di distrazione da parte mia a causa di una telefonata ricevuta....essendomi in seguito resa conto dell'errore, prima di accendere il gas li ho tolti dall'acqua, schiacciati e riposti nella stessa insieme ai bocconi.........la foto l'avevo già fatta...ma ho dimenticato di scattarla di nuovo, scusatemi...quindi  CONSIDERATE CHE GLI SPICCHI D'AGLIO DEVONO ESSERE SCHIACCIATI in quanto così rilasceranno tutto il loro aroma che insaporirà, in modo assolutamente naturale i molluschi esaltandone il sapore:)


Coprire e, non appena l'acqua bolle, unire il sale grosso..dopo circa 25 minuti verificare l'avvenuta cottura dei bocconi: questi sono pronti quando, provando ad estrarli dalla loro conchiglia con l'apposito attrezzino, usciranno senza alcuna difficoltà.
Lasciarli all'interno della loro stessa acqua e consumarli subito...
aggiornamento al post: forse questo punto non è chiarissimo, ho aggiornato il post per questo motivo:)
quindi, i bocconi si sistemano nel piatto di ogni commensale il quale li consuma estraendo, man mano, il mollusco dalla conchiglia con l'apposito attrezzino. I bocconi in attesa di essere consumati si lasciano all'interno della loro stessa acqua.




29 commenti:

  1. Woooowww!!!
    Rosy!!! Ma ti sei trattata bene in Sardegna! Brava, sei una buona forchetta, mi piace!
    Non li ho mai mangiati i bocconi, ma almeno ora so come si cucinano.
    Grazie cara,ti auguro un buon fine settimana e ti mando un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Any, sei veramente gentilissima!!!:) mi fa tantissimo piacere che hai apprezzato questa ricetta, è molto semplice, ma, se i bocconi sono freschi e femmine, buonissima:)
      grazie mille a te per la gentilezza, sei sempre carinissima:)
      un abbraccio e buon fine settimana anche a te!!!

      Elimina
  2. sai che non li ho mai mai mai mangiati!! e qui da noi non li ho mai visti...spiegazione da 10 e lode ...grazieeee cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia, a Cagliari si trovano molto facilmente, non solo al mercato del pesce ma anche dagli ambulanti..pescati direttamente da loro, insieme a cozze e arselle, quindi freschissimi:) ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato il mio modo di esporre la ricetta, sei sempre carinissima e gentilissima...grazie mille a te:)
      un bacione!!!

      Elimina
  3. Ma che brava rosa!Sai far tutto....una donna da sposare!Tuo marito sarà contentissimo dei tuoi pranzetti!Baci e buon fine settimana!Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tantissimo Rosetta, sei davvero troppo gentile e carinissima!!!:)
      mi fa tantissimo piacere che apprezzi le ricette che pubblico, grazie mille per i complimenti:)
      un bacione e buon fine settimana anche a te!!!:)

      Elimina
  4. mi sa che mi mancano, non li ho mai assaggiati però essendo napoletana mangio spesso i maruzzielli, e penso che abbiano lo stesso sapore! baci baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna, io invece non conosco i maruzzelli..o magari li conosco ma sotto altro nome:)
      grazie mille per essere passata e tanti baci anche a te!!!:)

      Elimina
  5. i miei figli ne vanno pazzi ma questa ricetta gustosa mi è nuova!!! qui da noi si bollono e dopo si tirano fuori dai gusti, si privano della parte nera(almeno così mi dicono) e si condiscono con aglio, olio, prezzemolo e un pizzico di sale......proverò anche la tua ricetta!!!! ciao e a presto

    RispondiElimina
  6. Ciao Nicoletta,si tratta di una ricetta di mia madre e rispecchia il modo di cucinare i bocconi in Sardegna o perlomeno nel cagliaritano..è semplicissima..i bocconi vengono bolliti in abbondante acqua condita giustamente con sale grosso e aromatizzata con spicchi d'aglio interi e schiacciati...una volta pronti si servono nei piatti così come sono, e ogni commensale provvede a estrarre, man mano che li consuma, attraverso l'apposito attrezzo, il mollusco dalla conchiglia e li mangia:)
    I bocconi che restano in attesa si lasciano nell'acqua e man mano che devono essere consumati si prelevano dalla stessa e si mettono sul piatto:)
    Sicuramente è buonissima anche la tua versione, mi piacerebbe provarla:)
    se provi la mia ricetta fammi sapere:))
    un bacione e a presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho preparati in acqua a fuoco lento per circa 15 minuti poi battuto di prezzemolo aglio olio limone sale e pepe una bontà

      Elimina
    2. Molto interessante la tua versione:) io li ho sempre preparati secondo la ricetta di mia madre che rispecchia in pieno il modo di cucinare i bocconi in Sardegna...mi incuriosisce assaggiare anche la tua variante:)

      Elimina
    3. Ma da voi si chiamano "bocconi" mentre a Napoli li chiamano sfruncilli e hanno confermato anche a roma però erano piccoli mentre dalle mie parti se ne trovano tanti e grossi mi ricordo mio padre li prendeva stesso sono davvero ottimi

      Elimina
  7. non ho mai mangiato questi molluschi ! La ricetta è semplicissima ,ma immagino che siano buonissimi!!!
    bacioni e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Mary, si tratta di una ricetta davvero semplicissima che valorizza in modo naturale il sapore di questi molluschi:) grazie mille per averla appezzata, sei davvero gentilissima!!!:))
      tanti bacioni e buon fine settimana anche a te!!!:)

      Elimina
  8. ma dai quanto vorrei assaggiarli!!! Mi piace anche il modo di cucinarli!! A proposito non avevo dubbi che le femmine fossero più gradevoli e apprezzate!!!! ah ah!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, ti ringrazio tantissimo per aver apprezzato questo piatto, sei veramente gentilissima!!!:)) i bocconi femmina sono decisamente più buoni..si possono mangiare anche i maschi, ma i primi sono indubbiamente migliori:))
      un bacione!!!:)

      Elimina
  9. mio marito li adora !!!!! proverò questa tua preparazione che non conoscevo...complimenti...un bacione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Mammalorita per aver apprezzato questa ricetta, sei davvero gentilissima!!!:)) se dovessi provarla fammi sapere..ti ringrazio tantissimo per i complimenti:)
      un bacione anche a te!!!:)

      Elimina
  10. non li ho mai mangiati e in più mai visti dal pescivendolo, forse è una prerogativa delle isole comunque mi incuriosiscono ciao a presto

    RispondiElimina
  11. Ciao Enrica, io li ho sempre mangiati fin da piccola....nei pranzi a base di pesce, sia nelle case private che in ristorante non mancano mai, presentati come antipasto o come secondo piatto :) non saprei se si tratti di una prerogativa delle isole...in Sardegna sono molto diffusi, al pari delle cozze e delle arselle...nella zona della Sicilia in cui risiedo da tre anni non li ho mai visti, ma sicuramente in altre zone della stessa isola si trovano e sono ugualmente diffusi:)
    un bacione e a presto!!!:)

    RispondiElimina
  12. Ma che bella ricetta Rosy!!
    Io non ho mai assaggiato questi molluschi però mi sembrano molto simili alle lumache di mare. Mi sbaglio??
    Un abbraccio e buon inizio settimana
    Carmren

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Carmen per aver apprezzato la mia ricetta, sei veramente gentilissima!!!:)) Non saprei se questi molluschi siano o meno simili alle lumache di mare, anche perchè, non amandole molto, non le ho mai assaggiate:) il principio con cui il mollusco viene estratto dalla conchiglia è comunque il medesimo delle lumache di terra, cioè attraverso l'apposito attrezzino:)
      un abbraccio e buon inizio settimana anche a te!!!:)

      Elimina
  13. Queste conchiglie...vuote ovviamente...le raccoglievo sempre quando andavo al mare a trovare mio figlio a Jesolo (nella riviera adriatica). Non mi è mai passato per la testa che si potessero mangiare ! Sarei curiosa di assaggiarli. Quassù....mai visti nel banchi delle pescherie, ma non arriverebbero freschi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, questi molluschi appartengono alla mia infanzia, adolescenza e
      oltre in Sardegna, in tutti i pranzi o cene a base di pesce sia in ristorante che a casa di mia madre, di parenti e amici venivano presentati come antipasto o secondo piatto......in quest'isola si trovano molto ma molto facilmente, così come le cozze e le arselle, e il tutto sempre freschissimo:))
      un bacione!!!

      Elimina
  14. da sarda ti posso dire che la ricetta è perfetta, qui in sardegna li mangiamo esattamente così, a me piacciono moltissimo e li cucinerò di nuovo in questi giorni, ti seguo, passa a trovare anche il mio blog se ti và, un bacione, ely

    RispondiElimina
  15. Ciao Ely,mi fa veramente piacere che hai apprezzato questa ricetta, sei troppo gentile: è vero, in Sardegna i bocconi si cucinano così, è da una vita che li mangio in questo modo:)))anche a me piacciono tantissimo ma li mangio solo quando torno in Sardegna: nella zona della Sicilia dove abito da 4 anni non esistono:(((
    mi fa molto piacere che anche tu sei sarda (di quale zona?io sono originaria di Cagliari!)con molto piacere passo a trovarti:))
    un bacione anche a te:))

    RispondiElimina
  16. Ciao Rosy, ho appena pubblicato questa ricetta sul mio blog e cercando in rete ho trovato la tua, ho potuto constatare che non è un piatto molto diffuso fuori dalla Sardegna ed è un peccato perché è buonissima!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Marina, appena visto il tuo commento sono passata subito da te;).
      Mi fa piacere che anche tu apprezzi questo piatto buonissimo che purtroppo è sconosciuto in altre parti d'Italia (Sicilia compresa, o perlomeno nella zona in cui risiedo..mai visti:( e questo è un vero peccato in quanto i bocconi meritano davvero, sono buonissimi!!!!
      un abbraccio anche a te:))

      Elimina